Menu Chiudi

Spot home gallery inaugura con Andamento lento, una mostra collettiva di otto fotografi dedicata
a Napoli, scenario e pretesto di una fotografia che si colloca in quel magico spazio tra realtà e
finzione.
Andamento lento è una storia di amicizia e di fotografia, di cui sono parte.

Ho scelto di presentarvi una ‘famiglia’ di fotografi nella quale i legami affettivi si intrecciano a
corrispondenze artistiche, a un modo di immergersi nel mondo con occhi e cuore aperti.
Lavori realizzati nell’arco di oltre vent’anni da amici fotografi che mi hanno ispirato e con i quali ho
condiviso momenti di vita, la passione per la fotografia e l’amore per la mia città.
Gli sguardi di noi napoletani trovano eco nella sensibilità di altri sguardi provenienti da mondi
geograficamente lontani per evocare insieme la dimensione emotiva di una città che non si rivela
mai fino in fondo. Napoli, il suo caos, luogo ideale ove perdersi per poi ritrovarsi.
L’andamento lento è il tempo di una fotografia che nasce da dentro: è il tempo dei pensieri, dei
sentimenti, dei sogni, ampio e libero.

Spot home gallery è (ri)partenza di una nuova avventura e allo stesso tempo un dolce ritorno a
casa.
Uno spazio di famiglia denso di ricordi. Quando ero piccola era lo studio di mio padre, di fronte al
suo negozio di fotografia da cui prendo in dono il nome. Da adulta è stata la mia casa, qui ho
costruito la mia prima camera oscura e ho accolto artisti provenienti da ogni dove, alcuni dei quali
sono accanto a me in questa mostra.
Spot riparte oggi da una nuova sfida: diventare un punto luce sulla fotografia contemporanea. Un
luogo dove, in un’atmosfera familiare, poter condividere idee e visioni con artisti, collezionisti,
appassionati e curiosi.
Spot è il mio punto rosso, è la scelta di un punto di vista, quello su una fotografia capace di
emozionare e insinuare dubbi, di aprirci gli occhi e far riflettere, suggerendoci prospettive
differenti, nuovi modi di vedere e di interpretare il mondo e il tempo che viviamo.

Con andamento lento, un’onda libera.

Cristina Ferraiuolo

Andamento lento