Menu Chiudi

Spot home gallery apre a Napoli nel febbraio 2021 con l’intento di diffondere e promuovere la fotografia contemporanea e sue contaminazioni con altri linguaggi espressivi attraverso mostre, proiezioni, incontri, workshops. Un luogo dove, in un’atmosfera familiare, poter condividere idee e visioni con artisti, collezionisti, appassionati e curiosi. L’interesse è volto a quegli artisti conosciuti o emergenti che con passione, rigore, coraggio, libertà, portano avanti lavori di ricerca personale che hanno la capacità di emozionare e far riflettere, sollecitando più interrogativi che risposte, suggerendo nuovi modi di vedere e di interpretare il mondo e il tempo che viviamo. Spot vuole diventare inoltre uno spazio di sostegno alla creazione, offrendo la possibilità ad artisti selezionati di trascorrere un periodo di tempo a Napoli e lavorare in libertà alla propria ricerca in dialogo con un territorio che sarà oggetto di esplorazione e fonte di ispirazione.

Cristina Ferraiuolo


La storia — Spot home gallery è situata a Napoli, in via Toledo 66.
Mi piace pensare che la storia del luogo sia fortemente legata all’idea che la anima. Via Toledo nacque per volontà del viceré spagnolo Don Pedro de Toledo che nel 1536 decise di costruire una via maestra per collegare il centro storico, chiuso dentro le mura, con il mare.
Napoli va verso il mondo, il mondo viene a Napoli.

Pianta di Napoli nel XVI secolo dopo la costruzione di via Toledo

 

Via Toledo non è soltanto una via, è un sentimento, presente nella storia e nel cuore di ogni napoletano. Anche nel mio.

Carlo Brancaccio, Napoli, Via Toledo- Impressioni di pioggia, 1888-1889

 

Qui, nel 1974, proprio in quel tratto di Via Toledo dipinto dal Brancaccio, mio padre aprì Spot 2, un negozio di fotografia, che per 35 anni è stato il fulcro della nostra famiglia.

Inaugurazione di Spot 2, 24 settembre 1974

 


 

I miei genitori al Photokina di Colonia nel 1970

 

Di fronte, al primo piano di via Toledo 66, vi era il suo studio, divenuto in seguito la mia casa, dove ho abitato per molti anni. Qui ho costruito la mia prima camera oscura e stampato le mie prime fotografie, ho accolto amici artisti che venivano da lontano per scoprire Napoli.

Giovanni Ferraiuolo nel suo studio, 1974.

 

 

E ora dopo tanti anni vi ritorno, con il piacere di aprire uno spazio privato per farne un luogo dove mostrare, creare e vivere la fotografia.
Spot, parola che racchiude nelle possibili declinazioni dei suoi significati molte mie aspirazioni, resta comunque prima di tutto per me un dolce suono familiare.

    punto luce sulla fotografia contemporanea


   luogo di incontro e condivisione di idee e visioni
per artisti, collezionisti, appassionati e curiosi


    posizione / punto di vista


    posto accogliente / casa